Uno sguardo al modello Phuket Sandbox, Thailandia senza quarantena

Uno sguardo al modello Phuket Sandbox, Thailandia senza quarantena

Il primo luglio 2021 il governo thailandese prevede di riaprire i confini del Regno ai turisti stranieri vaccinati senza obbligo di quarantena, Phuket sarà la prima destinazione a ospitare i viaggiatori che aderiranno al piano Sandbox

In questo post cercheremo di vedere cosa è il piano Phuket Sandbox, le regole principali, chi può usarlo, gli hotel da prenotare, quali paesi sono considerati idonei ad entrare a Phuket senza quarantena, documenti richiesti, test Covid-19 richiesti e le compagnie aeree che arrivano sull’isola.

Per cominciare diamo uno sguardo alle regole della Sandbox di Phuket.

In precedenza è stato dichiarato che tutti i turisti vaccinati che arrivavano a Phuket dal primo luglio erano tenuti a rimanere sull’isola per sette giorni prima di poter continuare il viaggio verso altre destinazioni del Regno.

Gli ultimi rapporti resi noti dal governo Thailandese hanno riportato che dalla data di riapertura prevista, i viaggiatori vaccinati prima di poter continuare il proprio viaggio devono rimanere a Phuket almeno quattordici giorni.

Inoltre, quando il piano Phuket Sandbox verrà confermato definitivamente oltre a rimanere sull’isola per quattordici giorni, con possibilità di muoversi liberamente in aree designate, prima di viaggiare verso qualche altra parte del Regno, bisognerà sottoporsi a test Covid-19 e ottenere un certificato negativo.

Chi potrà usufruire del Piano sandbox?

Possono usufruire del piano Sandbox i viaggiatori vaccinati di età pari o superiore a diciotto anni che provengono da paesi ritenuti dalle autorità thailandesi a medio/basso rischio di contagio del virus SAR-Cov-2.

I viaggiatori, per entrare a Phuket, devono essere stati completamente vaccinati.

Inoltre, dall’ultima dose di vaccino, prima di mettersi in viaggio per la Thailandia, devono essere trascorsi più di quattordici giorni e non più di un anno.

Per quanto riguarda i ragazzi che rientrano nella fascia di età tra i sei e i diciotto anni possono viaggiare senza quarantena sottoponendosi a test Covid-19 in aeroporto a proprie spese

Bambini sotto i sei anni che viaggiano con genitori o tutori completamente vaccinati possono entrare senza sottoporsi a nessun test.

Da precisare che in caso in cui genitori o tutori del bambino risultassero affetti da Covid-19, tutto il nucleo familiare verrà messo in isolamento per quattordici giorni.

Nota: L’età dei bambini che devono essere testati in aeroporto al momento dell’arrivo potrebbe subire nuove modifiche.

Per dormire, cosa bisogna sapere

Precisiamo che tutti coloro che arrivano a Phuket e che rientrano nel piano Sandbox non devono sottoporsi a nessun periodo di quarantena ma, sono tenuti a soggiornare in hotel o strutture che hanno ricevuto la certificazione SHA+ rilasciata dal governo thailandese.

Per conoscere alcune strutture SHA+ dove poter prenotare è possibile far riferimento al nostro post dedicato (Riapertura di Phuket 1° luglio, elenco degli hotel autorizzati a ospitare i turisti vaccinati).

Quali paesi sono idonei per il piano Phuket Sandbox?

Questo piano sarà disponibile per tutti i viaggiatori che arrivano in Thailandia da paesi che saranno considerati a basso e medio rischio di contagio di Covid-19.

Anche se siamo molto vicini alla data ufficiale della possibile riapertura di Phuket, il governo, non ha ancora rilasciato un elenco di paesi ammessi oppure no.

Secondo fonti ufficiali l’elenco di tali paesi dovrebbe essere rilasciato nei prossimi giorni dal Ministero della sanità pubblica.

Documenti richiesti per entrare a Phuket dal primo luglio

Tutti i viaggiatori internazionali autorizzati a entrare a Phuket devono come prima cosa richiedere il certificato d’ingresso (COE), documento che viene richiesto da qualsiasi persona che viaggia in Thailandia durante questo periodo di pandemia.

Inoltre, oltre al visto corretto oppure esenzione dello stesso, i viaggiatori, al momento dell’arrivo, devono obbligatoriamente esibire il certificato di vaccinazione Covid-19.

Ricordiamo che il vaccino deve essere uno di quelli approvati dall’Organizzazione mondiale della sanità o dall’Autorità thailandese.

Note: Al momento della richiesta del COE, il viaggiatore, deve allegare il suo certificato di vaccinazione.

Rimane invariata l’assicurazione sanitaria che includa eventuali cure mediche Covid-19 e che abbia un importo non inferiore a 100.000 USD.

Altro requisito, certificato di test Covid-19 rilasciato entro 72 ore prima della partenza e sottoporsi ad altro test in aeroporto (se necessario).

Rimane obbligatorio scaricare l’applicazione mobile Thailand Plus che dovrà rimanere attiva per tutta la durata del soggiorno.

Test Covid-19 una volta che si è a Phuket

Per quanto riguarda la gestione e quanti test Covid-19 sono richiesti durante il soggiorno sull’isola, nei prossimi giorni l’argomento dovrebbe essere chiarito.

Tuttavia, i turisti, sono tenuti a sostenere i test Covid-19 a proprie spese.

Generalmente il servizio viene fornito dagli ospedali oppure da hotel che offrono un pacchetto completo, per conoscere i costi è possibile consultare il nostro articolo su dove fare i test Covid-19 in Thailandia.

Con quale compagnia aerea arrivare a Phuket

In questi giorni, anche prima della conferma definitiva della riapertura dell’isola, molte compagnie aeree stanno programmando voli per l’isola tra cui Thai Airways, Singapore Airlines, Emirates, Qatar Airways, EVA Air e Korean Air.

Per conoscere dettagli del volo e procedure di sicurezza adottate dalle compagnie aeree, contattare direttamente il vettore scelto per il viaggio.

Siamo giunti alla fine del nostro post, abbiamo cercato di dare qualche chiarimento sul piano Phuket Sandbox, ci teniamo a precisare che l’apertura dei confini senza quarantena per i viaggiatori vaccinati non è ancora ufficiale pertanto, suggeriamo di non effettuare nessuna prenotazione fino al primo luglio 2021, data prevista per la riapertura.

Consigliviaggiaasia suggerisce comunque di contattare l’ambasciata thailandese presente nel vostro paese d’origine per eventuali chiarimenti in merito in quanto le norme e procedure del piano Phuket Sandbox sono soggette a variazioni.

Continua a seguirci per rimanere aggiornato.

Fonte – Thai est



Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...