Ventitré giorni a Phuket: viaggio fai da te

Phuket, una delle destinazioni turistiche della Thailandia più ricercate sul web. 22.200 ricerche al mese su Google, tante domande, che variano da quando andare a quale volo prendere dall’Italia. Phuket, una destinazione da sogno. Con questo post, vogliamo raccontare la nostra esperienza di viaggio, durata ventitré giorni, con un budget di 1.200,00 Euro e allo stesso tempo, cercare di rispondere a più domande possibili.

Phuket_Surin_Beach_tramonto
Phuket_Surin_Beach_tramonto

1. Quando andare.

La cosa che farete, prima di organizzare il vostro viaggio, sarà quella di scegliere il periodo migliore. Per godervi tutto il sole e il mare di questa isola, sicuramente la stagione da preferire va da dicembre a marzo, con temperature medie che variano da 24° C di minima ai 33° C di massima. Il mare è sempre caldo con temperature massime di 30° C, ottimo per fare stupendi bagni. Per tutti coloro che amano fare surf, scegliete da giugno a settembre, mare mosso e onde alte. Durante il mese di maggio, settembre e ottobre, si hanno dei picchi di piogge che durano da pochi minuti a un massimo di mezzora. Resta comunque il fatto che è possibile godersi il mare.

2. Quale volo scegliere e quanto costano.

La scelta del volo, resta a voi, dipende da come volete organizzare il vostro viaggio. Noi abbiamo optato per un volo diretto prendendo la Thai, scalo a Bangkok, voi potreste decidere di fermarvi qualche giorno nella capitale per poi proseguire e terminare la vacanze al mare. Le compagnie sono tante e i prezzi variano da periodo a periodo. Noi abbiamo un budget di 2.200,00 €, vogliamo stare il più possibile sull’isola pertanto, conoscendo bene la Thailandia, optiamo per il volo diretto. La ricerca del volo, è un vero lavoro, diverse ricerche per trovare l’offerta migliore, la tariffa più conveniente, con un budget prestabilito, tutto deve essere calcolato al meglio.

Phuket_aereo_Thai
Phuket_aereo_Thai

3. Resort

Scelto il periodo e trovato il volo, non ci resta che scegliere il resort dove alloggiare. Certamente anche qui, abbiamo l’imbarazzo della scelta. Alberghi sulla spiaggia, al centro, nelle vicinanze con servizi di pulizia giornaliero, colazione, sicuramente piscina. I prezzi variano tantissimo, basta andare su Booking, vedere la disponibilità, scegliere e prenotare. Ciò che dobbiamo sempre prendere in considerazione, è il budget a nostra disposizione, in Thailandia non esiste il concetto di pensione completa, perderebbe il suo fascino pertanto, dobbiamo anche considerare i costi per il cibo. Tolto i soldi dei biglietti, ci rimangono 1.200,00 €, stiamo facendo tutto da soli, non ci stiamo appoggiando a nessuna agenzia, dopo aver visto pagine e pagine di sistemazioni del luogo su Booking, troviamo ciò che fa al caso nostro. La struttura che scegliamo è il Surin Sabai, un bellissimo complesso di appartamenti con angolo cottura, veranda, piscina, palestra, servizio di pulizia giornaliero, costo totale € 700,00 per ventitré giorni. Usciti dalla struttura, abbiamo a nostra disposizione, ristoranti dove poter fare colazione, pranzo e cena, tintoria, due supermarket, negozi per fare acquisti, due farmacie e a pochi metri troviamo Surin Beach, Il Surin Sabai, valutiamo che fa a nostro caso, possiamo lavorare tranquillamente al PC, cucinare, fare bagni in piscina, arrivare in pochi minuti al mare e di tanto in tanto, mangiare al ristorante.

*Tutti i prezzi indicati sono approssimativi in quanto variano da periodo a periodo.

Scelto il periodo, comprato i biglietti, prenotato l’hotel, non ci resta che preparare i bagagli e partire. Periodo scelto, maggio, desideriamo partire, vogliamo rilassarci, non badiamo alle stagioni, amiamo la Thailandia, pertanto, siamo pronti per una vacanza di ventitré giorni a Phuket. Con in tasca solamente 500,00 € e partendo da Roma Fiumicino, inizia qui, il nostro viaggio.

4. Il bagaglio cosa portare a Phuket

Anche se, la compagnia aerea, ci garantisce un bagaglio di 20 Kg da mettere in stiva e un bagaglio a mano da portare in cabina, per andare al mare, sicuramente conviene portare il minimo indispensabile. Evitando di portare cose inutili, facciamo una piccola lista di ciò che abbiamo messo nei nostri zaini.

  • 6 magliette
  • 2 paia di bermuda
  • 6 paia di slip
  • 3 paia di calzini
  • un giacchetto per la pioggia
  • 1 paio di pantaloni da trekking
  • un cappellino per il sole
  • un asciugamano per il mare
  • ciabatte
  • 2 pantaloncini per il mare / costumi
  • occhiali da sole
  • creme solari
  • accessori toilet
  • spray anti moschito
  • medicinali essenziali (aspirina, antibiotico, antidolorifico, antispastico, antistaminico, cerotti, disinfettante, attenzione; i medicinali devono essere sempre accompagnati da una ricetta medica scritta in inglese, con scatola originale e bugiardino. Nel caso che si viene fermati alla dogana e i medicinali sono sprovvisti di tutto ciò, sappiate che le sanzioni sono molto gravose ed è previsto il sequestro.

*In Thailandia, esistono moltissime tintorie, con soli 40 THB al Kg, potrete portare e ritirare nell’arco della giornata i vostri indumenti.

Dopo tante ore di viaggio e uno scalo a Bangkok di solo un’ora, arriviamo a Phuket. Siamo, stanchi? Non troppo, i voli con poche ore di scalo, hanno i loro vantaggi. Un’auto dell’hotel ci accompagna al nostro alloggio. Siamo fuori dal centro, ci troviamo in una zona tranquilla, veniamo accolti come è solito fare in questo paese, tanta gentilezza accompagnata da altrettanti sorrisi. La struttura è nuova, ben tenuta, entriamo in possesso della nostra camera, entriamo, facciamo il solito giro di perlustrazione. Grande, angolo cottura fornito di tutto, pentole, bicchieri, posate, piatti, mestoli, tazze, caffettiera elettrica, forno elettrico. Bagno con doccia, molto grande, un armadio, televisore, un tavolo con sedie, una veranda veramente stupenda che affaccia sulla piscina. Dopo aver sistemato i bagagli e fatta una doccia veloce, usciamo a fare una prima passeggiata, dobbiamo pensare alla cena, fare la spesa oppure, andare a mangiare a uno dei tanti ristoranti che si trovano lungo la via.

Phuket_insalata_gamberi
Phuket_insalata_gamberi

5. Mangiare a Phuket.

Una cosa certa quando arrivi su un’isola thailandese è, basandoci sulle nostre esperienze di viaggio, trovare pesce fresco è un gioco da ragazzi. Tutti i ristoranti, mettono in bella mostra, il pescato del giorno. Tutti, sicuramente, conoscete la bontà della cucina Asiatica ma, qui, sul posto, i sapori sono completamente differenti da quelli che conosciamo. Andare al ristorante, in questi paradisi è, un vero piacere, profumi, cordialità, colori, musica, persone, tutti elementi che arricchiscono lo scenario, tutti componenti fondamentali e tal volta essenziali che rendono un viaggio, indimenticabile. Il budget per il cibo è fissato a 10,00 € giornalieri, non è un problema, qui con quella cifra mangi tanto e bene però, attenzione a scegliere il ristorante giusto, noi, evitiamo sempre quelli semivuoti, preferiamo i locali dove si siedono i thailandesi. Contrariamente, quando notiamo un locale pieno di gente locale, molto probabilmente, il mangiare è buono ed economico. In questo post, non elenchiamo i piatti tradizionali che conoscete tutti, vogliamo solamente trasmettere, a tutti coloro che intendono visitare questo paradiso che, spendendo poco è possibile ordinare acqua, birra, due antipasti e due portate principali. Un elemento non da poco, proprio per questo, tantissime persone, zaino in spalla, amano la Thailandia, un viaggio economico che allo stesso tempo è un vero sogno.

6. Fare la spesa.

L’esperienza di vivere un mese a Koh Samui ci ha talmente divertiti ed entusiasmato che, abbiamo voluto ripeterla su un’altra isola. Questa volta, non abbiamo il mercato del pesce e della verdura, troppo lontani, ci sono solamente supermarket, ci accontentiamo, anche le persone del posto si recano li per fare la spesa. Cosa possiamo comprare con il nostro budget giornaliero? Entriamo, il market è abbastanza grande, vende di tutto, cominciamo a riempire il carrello; spaghetti, pomodorini, insalata, odori, olio, sale, acqua, birra, qualche verdura, asparagi, yogurt, cereali, merendine, frutta. Andiamo alla cassa, comincia il conteggio, totale spesa, € 9,00. Per due giorni è sufficiente, un piatto di pasta e un’insalata e la cena è fatta.

7. La SIM telefonica.

Facendo la spesa e cucinando a casa, siamo riusciti ad alzare il nostro budget giornaliero per altre spese. Siamo nomadi digitali, lavoriamo al PC, condividiamo informazioni utili per i nostri lettori, diamo consigli di viaggio alle persone che ci scrivono pertanto, lavoriamo con Internet. In Hotel siamo coperti con una veloce Wi-Fi ma, in spiaggia? A Surin Beach, non ci sono strutture che offrono questo servizio quindi, l’unica soluzione è comprare una SIM. Andando al supermarket e mostrando il passaporto, potrete comprare una SIM telefonica con soli 16,00€, cosa comprende? Internet illimitato, velocità massima fino a 6 GB, credito di 100 THB, durata 15 giorni. Altra soluzioni, con € 8,00, internet illimitato per otto giorni, velocità massima fino a 3 GB, 100 THB di credito. La scheda funziona benissimo, basta inserirla nel telefono, attendere qualche minuto per l’attivazione e potrete usarle sin da subito. Per il nostro soggiorno, ne abbiamo comprate due, attenzione; per ogni passaporto, se ne può attivare solamente una.

Phuket_Surin_Beach,
Phuket_Surin_Beach,

8. Surin Beach.

La spiaggia è situata a circa 600 metri dal nostro albergo, è possibile raggiungerla a piedi o affittando un motorino, noi questa seconda ipotesi la escludiamo sempre durante i nostri viaggi. Per noleggiare il mezzo, è fondamentale avere una patente internazionale, nel caso di problemi o di un controllo da parte della polizia, le sanzioni potrebbero essere molto alte, se ne siete sprovvisti. Surin Beach, è una lunga lingua di sabbia bianchissima, non ci sono locali, è immersa nel verde e contornata da palme, poco turistica, calma e tranquilla, un ottimo posto per godersi il sole, il mare, bellissimi tramonti e rilassanti passeggiate. Durante il giorno, è possibile mangiare in uno dei tre banchetti che vengono allestiti ogni mattina oppure, bere dei buonissimi frappè fatti con la frutta fresca, oppure comprare un buon gelato. Street food vero e proprio, buono, cucinato al momento, tutti alimenti freschi. Costo massimo per un piatto, € 3,00 a volte, con servizio al proprio asciugamano. Sulla spiaggia, potrete rilassarvi presso uno dei due centri massaggi, 300 THB per un ora di relax. Anche essendo il mese di maggio, noi siamo stati fortunati, solo quattro picchi di piogge, durata massima 20 minuti, per il resto della vacanza, sempre sole e tanti bagni.

Phuket_lavorare_al_pc
Phuket_lavorare_al_pc

Conclusione.

Anche in questo viaggio, abbiamo conosciuto tantissime persone, l’amico francese che vive li con moglie e figlio, fa l’ agente immobiliare, felice di stare in Thailandia. La signora della tintoria sotto l’Hotel che, quando siamo andati a salutarla l’ultimo giorno, ci ha abbracciati, baciati, dimostrandoci tutto il suo affetto. La ragazza sulla spiaggia, che ogni mattina, ci preparava i suoi fantastici frappè di frutta. I ragazzi del chiosco dove andavamo a mangiare di tanto in tanto all’ora di pranzo e che ci hanno insegnato due o tre parole di thailandese. Il venditore di palloni gonfiabili, un ragazzo che ogni giorno, fa su e giù per la spiaggia cercando di vendere i suoi palloni che poi, sono delle comodissime sdraie per prendere il sole. Le ragazze del centro massaggi, che ogni giorno ci riservavano un lettino. Anche questa avventura, siamo riusciti a portarla a termine rimanendo nel nostro budget. Probabilmente non abbiamo fatto gite, sicuramente non siamo riusciti a vedere altre spiagge ma, certamente siamo riusciti nel nostro scopo; vivere a Phuket per un mese con pochi soldi, è fattibile e ciò che ti lascia è un vero tesoro.

Siamo tornati a casa, con le lacrime agli occhi ma, con il cuore pieno di gioia, magica Thailandia.

Buona Asia.

Vi è piaciuto l’articolo? Cliccate e condividete.

Inoltre vi rammentiamo che rimaniamo a vostra disposizione per eventuali info, scriveteci alla nostra mail massimilianod39avack@yahoo.com oppure inviando un messaggio sulla pagina Facebook Consigliviaggiasia.

  • Phuket_aereo_Thai
  • Phuket_lavorare_al_pc
  • Phuket_piscina_Surin_Sabai
  • Phuket_Surin_Beach,
  • Phuket_massaggi_sulla_spiaggia
  • Phuket_Surin_Beach,
  • Phuket_gelati_a_Surin_Beach
  • Phuket_fruttai_a_Surin_Beach
  • Phuket_frullatii_a_Surin_Beach
  • Phuket_Surin_Beach_tramonto
  • Phuket_Surin_Beach_tramonto
  • Phuket_ristorante
  • Phuket_thai_food_Surin_Beach
  • Phuket_Surin_Beach
  • Phuket_insalata_gamberi
  • Phuket_pesce_spada_crema_di_asparagi
  • Phuket_Surin_Beach,
  • Phuket_Surin_Beach_fare_surf

Un pensiero riguardo “Ventitré giorni a Phuket: viaggio fai da te

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...